La soia nascosta, 57 kg l’anno nella dieta del cittadino UE

soia

17 lug La soia nascosta, 57 kg l’anno nella dieta del cittadino UE

La soia viene utilizzata come mangime, ed ha un forte impatto sull’ambiente! A rilevarlo è un nuovo rapporto di ricerca commissionato dal Wwf

Un cittadino europeo consuma in media 61 kg di soia ogni anno, di cui il 93% (57 kg) “nascosto” nei mangimi utilizzati nell’allevamento di quegli animali che compongono la nostra dieta di carne, pesce e derivati. La quantità maggiore di soia (109 g per 100 g di prodotto) è “contenuta” nei petti di pollo, seguiti dalle uova (35 g di soia ogni 55 g), dai tranci di salmone (59 g ogni 100 g), dalle braciole di maiale (51 g di soia ogni 100 g di carne), dagli hamburger (46 g per ogni 100 g) e dal formaggio (25 g di soia per 100 g di formaggio). A rilevarlo è un nuovo rapporto di ricerca commissionato dal Wwf. La soia è una delle principali colture della filiera alimentare mondiale e pur essendo utile, dato l’alto contenuto proteico, se coltivata in maniera irresponsabile può avere impatti negativi sulle popolazioni e sull’ambiente.

Negli ultimi 50 anni la soia ha visto uno sviluppo esplosivo a spese di milioni di ettari di foresta, prateria e savana convertiti a uso agricolo, in particolare in Sud America, come risultato diretto e indiretto del boom della soia. Queste informazioni sono state rese note alla vigilia della conferenza annuale della tavola rotonda per la “Soia Responsabile” (Round Table on Responsible Soy) che si è di recente svolta a Bruxelles.”La maggior parte dei consumatori europei non ha idea di quanta soia sia contenuta nella carne, nei latticini, nelle uova e nei pesci di allevamento che consuma ogni giorno – spiegano al Wwf – Ancora minore è la consapevolezza di quanto la soia ‘nascosta’ abbia avuto un impatto devastante su alcuni dei più preziosi ecosistemi del mondo, come l’Amazzonia, il Cerrado e il Gran Chaco”.

Per il WWF è dunque necessario che le aziende europee che acquistano soia o prodotti derivati da animali allevati con la soia, assumano l’impegno a rifornirsi esclusivamente di soia coltivata responsabilmente. “Questa scelta renderebbe chiaro ai produttori in Sud America che i consumatori europei vogliono esclusivamente quella soia che non sia stata prodotta a spese della natura, dei lavoratori o delle comunità locali”.

Per rendere più consapevoli i consumatori europei, WWF lancia sui social media un’infografica interattiva, una sorta di ‘frigo virtuale’ in cui ciascuno può scoprire quanta soia è nascosta nei cibi che consuma quotidianamente: http://hiddensoy.panda.org/

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.