I microbi “buoni”, graditi ospiti

microbi_WP

24 nov I microbi “buoni”, graditi ospiti

Milioni di piccoli ospiti vivono nelle nostre case, e sono capaci di offrirci benefici insospettati.

Solo una piccolissima parte dei microbi a cui siamo quotidianamente esposti risulta effettivamente nociva all’uomo. La maggior parte di quelli che – anche inconsapevolmente –  ospitiamo in casa, non lo è. Eppure cediamo spesso alla tentazione di disinfettare a fondo e talvolta addirittura sterilizzare le nostre abitazioni: una prassi non corretta, evidentemente, perché con il cattivo eliminiamo anche il buono.

Secondo il prof. Jordan Peccia, professore di ingegneria chimica ed ambientale, i microbi che alloggiano all’interno e all’esterno del nostro organismo sono determinanti per il suo funzionamento. Oltre a contribuire alla digestione, ad esempio, svolgono una funzione di stimolo al sistema immunitario aiutandoci a contrastare le infiammazioni; è poi dimostrato che una scarsa esposizione ad alcune famiglie di microbi comporti maggiori probabilità di sviluppare asma e allergie di vario genere. Le regole d’oro per liberarsi di quelli -diciamo così- poco utili o nocivi sono peraltro di facile applicazione: aprire spesso le finestre e aerare i locali, tenere pulite le superfici, ridurre la presenza di moquette e tappeti (non perché i microbi “nidifichino”, ma semplicemente perché ne facilitano deposito e concentrazione, e successiva dispersione nell’aria).

Gli studi sui microbi “buoni” nel campo dell’edilizia sono solo agli albori, ma è già possibile ricavare alcune informazioni interessanti. Incrementarne la diversità, vale a dire il numero delle varie specie, è importante ai fini della nostra salute, soprattutto per quel che riguarda le patologie a carico delle vie respiratorie. Tra coloro che fin da piccoli sono cresciuti in aree rurali o nelle vicinanze di allevamenti di bestiame, o in una casa in cui vivono cani o gatti, asma ed allergie sono presenti in misura nettamente inferiore alla media.  Cerchiamo dunque di vivere in zone che offrano una buona qualità dell’aria, apriamo spesso le finestre, e sopportiamo anche gli spifferi perché ci assicurano una buona ventilazione. E naturalmente non priviamoci della gioia di ospitare amici pelosi!

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.